Discografia

Releases and Lyrics

Oltre… l’Abisso

Full Lenght [2014] Folkstone Records

1. In Caduta Libera
2. Prua Contro il Nulla
3. La Tredicesima Ora
4. Mercanti Anonimi
5. Respiro Avido
6. Manifesto Sbiadito
7. Le Voci della Sera
8. Nella Mia Fossa
9. Fuori Sincronia
10. Soffio di Attimi
11. L’Ultima Notte
12. Ruggine
13. Tex (cover Litfiba)
14. Oltre… l’Abisso

 

 

Restano i Frammenti, DVD Live

DVD Live [2012] Folkstone Records

01. Il Confine
02. Grige Maree
03. Aufstand!
04. Non Saro’ Mai
05. Alza il Corno
06. Lo Stendardo
07. Anime Dannate
08. Terra Santa
09. Respiro Avido
10. Anomalus
11. Ombre di Silenzio
12. Nebbie
13. FolkStone
14. Frerì
15. Un’Altra Volta Ancora
16. Frammenti
17. Sgangogatt
18. Briganti di Montagna
19. Luna
20. Omnia Fert Aetas
21. Simone Pianetti
22. Nell’Alto Cadrò
23. In Taberna (In Vino Veritas)
24. Rocce Nere
25. Longobardia
26. Vortici Scuri
27. Con Passo Pesante

 



DVD Live + DVD Extra + CD Live mp3
(clicca per informazioni)

 

Respiro Avido

Single, DVD Promo [2012] Folkstone Records

Clicca sul titolo per leggere il testo

1. Respiro Avido

Dentro profonde oscurità
la vera anima
mare di lava attorno
io non mi brucerò

Voglio sentire
voglio vivere più in là
chiedo alla vita troppo
forse la falce risponderà

Sulle ali della morte giuro ti raggiungerò
La paura di cercare no, non mi farà annegare in falsità

“Respiro avido
ogni battito ora è
Incontrollabile
Alchimie inspiegabili
Lampi ormai indelebili
Fuoco divampa dentro me”

Ignoto labirinto
pensieri vagano
inesplorati varchi
nel buio solcherò

Schiva natura
ti richiama a ciò che sei
è un mistero indisturbato
solo stracci poi restano

Rimanere fermo ad aspettare un segno non mi dà
La certezza di un risveglio nel grigiore cieco della reatà

Esplode l’aria
Precipita
Coscienza d’inutilità

Rit.


   

 

 

Il Confine

Full Lenght [2012] Folkstone Records

Clicca sui titoli per leggere il testo

1. Il Confine

In preda al ricordo di mille parole
Maledizioni al vento
Sguardi confusi accecati dal Sole
Una valle scordata persino dal tempo
Là dove il confine incontra il tramonto
Riposano inermi lo schiavo e il tiranno
Vicini in un sonno di eterna distanza

“Sordi sospiri che d’improvviso affrontano
Frastuono d’ipocrisia
Lenta la mente trama il declino dell’essere
Deride, inganna la via”

Antica rivalità
Istinto e Civiltà

Tracciate nei solchi di rughe e miseria
Tradizioni oscure
Persi nel lento scandire dei giorni
Riflessi d’usanze che celan timore
Le arti lontane…passi ed ere
Ritraggono istanti di eclissi ed albori
Illuse di dar vita ad un eco incessante

“Sordi sospiri che d’improvviso affrontano
Frastuono d’ipocrisia
Lenta la mente trama il declino dell’essere
Deride, inganna la via”

Antica rivalità
Istinto e civiltà

Non giungono a me
Resti d’immortalità
Ma vite comuni che
Storia hanno scritto col sangue

2. Nebbie

Sopra sguardi tu condanni
Il mio sdegno sara’ la tua ombra
Immerso in eterni momenti d’inquietudine
Dai bassifondi della mia mente sconvolgo la realtà

“Non parlar
Se del mio profondo non sai
Irae indulgere
Il saggio non e’ giudice
Se ancor non conosce i miei perchè
Tu vorrai
Ma nel tuo inganno tu non mi avrai”

Nebbie sovrastano le mie città
Le assolute verità che mai indosserò

Se i miei cupi silenzi capir non puoi
Sul mio viso un sorriso s’ accende
Ma e’ ironica follia

“Non parlar
Se del mio profondo non sai
Irae indulgere
Il saggio non e’ giudice
Se ancor non conosce i miei perchè
Tu vorrai
Ma nel tuo inganno tu non mi avrai
Irae indulgere
Tu saggio non sei giudice
Perchè non saprai mai…di me!”

3. Omnia Fert Aetas

Storia che ha inizio ma una fine non ha
Nato in un angolo di mondo io fui
Son figlio di luoghi e di giorni effimeri
Di volti e delle voci e dei profumi che le notti portavano a me
Omnia fert aetas
Nomen est omen

Su strade colme o vuote e’ il mio spettacolo
Erro e dimoro ovunque e da nessuno sto
Compagni di viaggio il sogno condividono
Bicchiere colmo passo un’altra storia di raminghi, artisti raccontero’
Omnia fert aetas
Nomen est omen

Moto apparente delle cose inutili
Cambiano vorticosi stati d’animo
Un relativo punto fermo io non ho
Le ore sempre cantano di stagioni e di domande senza una replica
Omnia fert aetas
Nomen est omen

Sorte mi affida un posto fortuito
Senza sapere quando lo pretendera’
Cosi’ bevo un sorso di ogni breve attimo
Senza esitare sguardi nei miei ricordi imprimo un’altra storia mi attende gia’
Omnia fert aetas
Nomen est omen

“Tempo è una retta via
Che si chiude in un cerchio e và
Verso idea d’infinito io scivolai
Certo che tutto andrà
Senza me”

4. Non Sarò Mai

Lascio a tutti i benpensanti la mia integrità
Sociale morale psichica
Tutta la vostra politica
Critici di vario strato bigotti di ogni età
Non mi lascio intrappolare dalla vostra stupidità

Pago il pedaggio ai confini dell’oltraggio

“Non saro’ mai
Schiavo del facile
Non avro’ mai…
Non saro’ mai
Schiavo del facile
Non avro’ mai
Un pensiero comune da rispettare”

Qualunquismo universale te sceglierà
Tieniti sempre stretta la tua tranquillità
Dubbi ed incertezze non ti chiedo mai
Tu sei qua per divertire la musica non fa pensar

Rompo lo schema brucio la mia scena

Rit.

Su collari di pietra scolpito il mio nome non ho
Da una prigionia illusoria fuggiasco io sono e sarò

Rit.

5. Luna

S-ciarös de lüna, sberlüs de stele
S’encanta l’aria, se sliga ‘l vent
Sgörles le foìe, sömèa ca i löcia
Fregòi de éta, falìe d’arzent

“A s’va par ol senter, i pas arent al cör
S’engropa ‘po la us, s’entorcia fò i penser
Ma resta amò l’amur, l’amur al stanta a mör
I pas sopra ‘l senter, i pas arent al to cör”

La noc serena la te cunsula
L’anima ‘n pena con tanta pas
E ‘l sonc ca regna despus ai frassen
Te smorsa l’ansia ca ve de lons

Rit.

La val sbasìda la nina ‘l sère
Sciarös de luna, sberlus de stele
E lu ‘l refiada ‘n de la so cüna
Sberlüs de stele, sciarös de luna

Rit.

TRAD.:

Chiarore di luna, luccichìo di stelle
Nell’etreo incanto si libera il vento
Le foglie fremono, sembra che piangano
Briciole di vita, faville d’argento

Si va lungo il sentiero, i passi vicino al cuore

“La voce si annoda, i pensieri si attorcigliano
Ma resta ancora l’amore, l’amore e’ duro a morire
I passi lungo il sentiero, i passi vicino al cuore”

Questa notte serena ti consola
L’anima in pena con tanta pace
E il sonno che regna al di la’ dei frassini
Ti spegne l’ansia che viene da lontano

Rit.

La valle ammutolita dondola il serio
Chiarore di luna, luccichìo di stelle
E lui riposa nella sua culla
Luccichìo di stelle, chiarore di luna

Rit.

6. Anomalus

Instr.

7. Storia Qualunque

Nell’ordinario stato dell’impulso a sopravvivere
Su un filo in equilibrio il fine è non cadere mai
Al mio dovere dedico più intensa parte di energia
Per regalare ai vertici controllo apparente

Conoscenza non può
Esser plagiata se vedrà
In intrecci e bugie
Le vie d’uscita scomode

“Non mi fermerò
Nel flusso degli eventi che
La mia storia segna come tante
Reinventerò
Cercando in ogni angolo
Nuove regole”

Ammaestrati a credere che esista una retta via
Attenti al peccato che il perdono è irraggiungibile!
Rapito da un libro che ha vite, commenti e facce altrui
Umore condividerò mentre io osservo gli altri..

Ora il vuoto non è
Ritaglio nella frenesia
Ma riflesso che dà
Sopito impulso a vivere

Evadere conformita’ anonime
Per non lasciarsi assalire dagli anni
Se travolto sarò
Da esitazioni ed ansietà
So che ripartirò
Dalla mia trama solita

Rit.

8. Frammenti

Scivola… Rancore immemore
Evoca… Pensieri lividi di ambiguità
Restano i frammenti
Implosi in momenti bui
Solo… Riflessi porpora
Dal presente cancellerò

“Se immensa vastità
Spezza simmetrie
Chiuso in trappole
Non dimentico”

Distruggo la mia viltà
Orgoglio scomodo io placherò
Creo veli di fumo
Dal mondo mi isolo
Dubbio… Io ti lacererò
Strappo via la mia identità

“Se immensa vastità
Spezza simmetrie
Chiuso in trappole
Non dimentico
Le luci spente già
In gelide foschie
Nel fuoco mio arderò
Niente e’ stabile”

9. Lontano dal Niente

Non lascio che la noia impugni la realtà
Lo scorrere implacabile del tempo mio
Vedrà…da solo i ricordi
Che dal passato emergono e confondono le idee

Forte…grido..e inizio a scendere
Mi sveglio dal torpore che l’inerzia un dì creò
Forte…impugno ed affondo dentro me
L’equilibrio mio

“Lontano dal niente
Da vane abitudini
Perse in me
Distanze infinite crollano
Confini s’aprono

Solo a stento
Dentro me”

Respiro mio s’affanna fugge l’attimo
A specchi d’illusioni affido l’anima
Guardo…nascosto e’ il divenire
Nel limbo dell’indifferenza sguardo non cadrà

Dolce sfida agli occhi miei sarà
Distruggo il sapore di paure inutili
Dolce…sconfitta io ti annegherò
Nel mio essere

Rit.

10. Ombre di Silenzio

Lascio che
Il silenzio mi trasporti via
Ombra che sola fugge nella poesia
Guardo io
Nostalgia sei mia
Sento ora sangue vivo in una fantasia

Tu… Morte
Amica mia
Specchio del passato torni alla follia
Ridi di quest’età
Ridi della verità
Ridi della mia vita delle mie povertà

“Figlia del tempo toglimi da qua
Fuori dai miei sbagli, le mie ingenuità
Figlia del tempo toglimi da qua”

Spazi che
L’esistenza cela dietro l’armonia
Oscura la Natura, oscura la mia via
Fermo qua
In una finta allegria
Inciampo nel tuo sguardo sento la tua compagnia

Rit.

11. Simone Pianetti

Partito dai miei monti
Lontano dalle genti
Il nuovo continente mi cambiò
Tra i libri e nelle strade
Con nuove idee lottavo
I miei orizzonti si schiusero

“Come un falco sulla preda
La morte sfidai
Per chi la mia dignità ha rubato
Io non conosco pietà”

Tonache nere e drappi
Distrussero i miei giorni
Scambiati ciecamente per pazzia
Gli amici miei lontani
Accanto ho solo vili
Nella taverna di Belial

Rit.

Senza padroni nè un dio
Rifugio i monti saran
Orme di una vendetta in attesa
Con ferro e fuoco vi sfido
Un nuovo inizio di vita
La mia giustizia farò

“Come un falco sulla preda
La morte sfidai
A chi la mia dignità ha rubato
Grido -Non mi avrete mai!-”

Tu nei racconti vivi
Leggenda è diventata
Immersa nella nostalgia che fu
Tu che cammini ancora
Nascosto tra le cime
A respirar la tua libertà

12. C’è un re

(“Nomadi” cover)

13. Grige Maree

Terra s’alza con forti fremiti
Crollano solide realtà
Le rovine delle perse città
Il progresso che mai vedrò

Incantano luci e immagini
Intorno…offuscano tristi idealità fragili

“Soffoca l’aria intorno a me
Acqua veleno mio berrà
Sommersi da grige maree
Seguendo un senso che non c’è”

Preda ingiusta del tempo instabile
Sono i perenni ghiacciai
L’oro nero ormai
Compra e venderà
Vita e morte di un’epoca

Celano possibilità
Nuove… Opprimono solo povertà deboli

Rit.

Ora cadono eroi e martiri
Spreco solo le mie utopie
Cieli e terre si confondono
Frantumando ogni idea

 


 

 

Sgangogatt

Collezione Acustica [2011] Folkstone Records

1. La Ballata del Diavolo
2. La Danza della Marmaglia
3. Pantoletta (Schelmish Tribute)
4. Mit Dans
5. Avanti!
6. Gigo
7. Oro Se Vie (Corvus Corax Tribute)
8. Igni Gena (Schelmish Tribute)
9. Luppulus in Fabula
10. Le Bal de l’Ours
11. Sgangogatt
12. Ol Mesciòt
13. Stella Splendens


 

 

 

 

Feuertanz Festival 2010

DVD Live Collection [2010]

1. Terra Santa
2. Frerì
3. Folkstone

 

 

Damnati ad Metalla

Full Lenght [2010] Fuel Records

1. Ol Bal di Òss
2. Longobardia
3. Aufstand!
4. Anime Dannate
5. Frerì
6. Un’Altra Volta Ancora
7. Luppulus in Fabula
8. Terra Santa
9. Senza Certezze
10. Vortici Scuri
11. Nell’Alto Cadrò
12. Vanità di Vanità (A.Branduardi cover)
13. Rocce Nere (Choral Version)

 

 


     

 

 

 

 

FolkStone

Full Lenght [2008] Fuel Records

1. Intro
2. FolkStone
3. Briganti di Montagna
4. Rocce Nere
5. Avanti!
6. In Taberna (in Vino Veritas)
7. Oltre il Tempo
8. Con Passo Pesante
9. Lo Stendardo
10. Igni Gena (Schelmish Tribute)
11. Alza il Corno
12. Outro